Arredo bagno: classico, moderno o retrò-chic?

Ristrutturare un bagno significa mediare tra funzionalità ed estetica: un bagno adatto alle nostre esigenze, infatti, deve necessariamente rispecchiare il nostro stile personale. Ecco perché è molto importante conoscere le ultime tendenze in materia di arredo bagno: solo così sarà possibile fare una scelta consapevole capace di trovare un elegante compromesso capace di strizzare l’occhio sia allo stile che alla funzionalità.

Andiamo allora a scoprire le ultime tendenze in materia, così da capire quale stile di arredo bagno si adatta maggiormente ai nostri gusti e, non da ultimo, alle nostre esigenze.

 

Bagni moderni: linee essenziali e massima funzionalità

Linee essenziali e pulite, cromature e colori basic come il bianco, il nero e il grigio alternati a sprazzi di colori vivaci: gli amanti dei bagni moderni e del design contemporaneo hanno davvero l’imbarazzo della scelta quando si tratta di progettare il proprio bagno dei sogni, a patto di tenere a mente che tutto, nei bagni moderni, ha un’identità votata all’essenzialità.

Ai “fronzoli”, alle rifiniture e all’opulenza va preferita la funzionalità e il minimalismo, espressi attraverso forme geometriche e ambienti luminosi e curati: “less is more”. Gli amanti dei bagni moderni possono contare su un vasto mercato dedicato.

Nella pratica, quando si parla di arredare un bagno moderno la scelta migliore è orientata ai sanitari e lavabo sospesi, di porcellana candida e, nel caso del lavandino, di vetro, pietra o porcellana. Materiali “nobili” accostati a una linea pulita ed essenziale in cui a dominare sono tinte primarie come il grigio, il nero, il bianco e il legno.

Specchi e rubinetteria completano il quadro: rubinetti neri o colorati accentuano o - nel caso del colore - spezzano le linee e lo stile dei bagni moderni, in cui è solitamente la doccia a dominare. Ampia, di vetro, quando possibile a filo con il pavimento per eliminare il piatto doccia così da esaltarne il design. Il contrasto tra il vetro e materiali come la pietra, il marmo o le maioliche, la doccia aiuta a risparmiare spazio e accentua lo stile moderno e d’avanguardia.

 

Bagno vintage e classico: a fare la differenza sono i dettagli

Se non siete grandi amanti dei bagni moderni e del design contemporaneo e preferite uno stile più classico, la scelta è doppia: si può optare per il classico vero e proprio, o sul vintage, particolarmente adatto a un’abitazione retrò chic e dal gusto bohémienne. La differenza, in questi casi, la fanno i dettagli: rubinetterie di metallo anticato, possibilmente a vista, piastrelle bicolor o con decori floreali, arredi smaltati a contrasto con il legno segnano il confine tra bagni vintage e bagni classici.

 

Bagni classici: quando eleganza e raffinatezza diventano funzionali

Scendendo nel dettaglio, i bagni classici rispondono a un preciso stile di arredo bagno, elegante e raffinato: a dominare sono la porcellana, la ceramica e il legno. Sì alle piastrelle (solitamente molto limitate nel bagno moderno) e ai lavabi con tubo a vista o incassati in mobili di legno, promossi i lampadari e specchiere con cornici lavorate, spazio a colori come il beige e i pastelli, con qualche tocco prezioso oro e argento da alternare alle venature del marmo. Tra i materiali, da segnalare anche il marmo con le caratteristiche venature a vista, il cristallo e il vetro. Indecisi su doccia o vasca? Il bello dei bagni classici è che ben si adattano entrambe le soluzioni: nel caso della vasca, una linea arrotondata, rubinetterie con manopole per il caldo e per il freddo e “doccino” contribuiscono a esaltare lo stile classico, se si preferisce la doccia si può dare un tocco glamour con un mosaico in colori preziosi o pastello.

 

Bagno vintage: la star è la vasca da bagno

Spazio permettendo, gli amanti del bagno vintage hanno una sorta di “arma segreta” per rivoluzionare l’arredo bagno: la vasca, indiscussa protagonista dell’ambiente. Sceglietela freestanding, con piedini a vista (possibilmente arrotondati), di ghisa o di metallo smaltato, da posizionare al centro della stanza. Il resto dell’arredo bagno seguirà la direzione tracciata: rubinetteria in metallo brunito o anticato, lavabo e sanitari dalle linee morbide e arrotondate, specchi con cornici da alternare a tendine di pizzo o percalle e asciugamani ricamati. Il tocco in più per un bagno vintage ultra-ricercato? Una tinozza di zinco al posto del classico lavandino.