Bagno stretto e lungo: i consigli per arredarlo

I bagni lunghi e stretti, comunemente chiamati "a fascia", sono un tipico retaggio delle costruzioni anni ‘70. Qualora vi troviate alle prese con una ristrutturazione, ma non ve la sentiate di abbattere le pareti per guadagnare spazio, dovrete far fronte ai vincoli dimensionali della stanza.

Arredare un bagno lungo e stretto è una sfida che può rivelarsi molto gratificante. Disporre in modo corretto i sanitari e giocare con luci e colori di pareti e rivestimenti vi permetterà di superare i problemi di spazio e ottenere un bagno pratico da usare e bello da vedere.

 

Bagno a fascia: è meglio la vasca o la doccia?

Ottimizzare lo spazio all'interno di un locale lungo e stretto significa, prima di tutto, decidere qual è la posizione più indicata per l'installazione degli elementi più ingombranti: vasca e doccia.

Qual è la migliore opzione tra le due? La risposta è legata alle dimensioni del bagno. Se la stanza è infatti larga meno di 1,5 metri sarebbe opportuno scegliere la doccia, da posizionare in fondo al locale in modo da coprirne interamente il lato corto.

Realizzare una doccia a tutta parete significa creare una piccola oasi di benessere. Se non volete farvi mancare nulla, dotatela di una colonna doccia idromassaggio completa di idrogetti regolabili e di un sistema di aromaterapia e cromoterapia.

Nel caso in cui vi preoccupi l’eventuale presenza di una finestra, vi basterà scegliere dei serramenti in PVC e alluminio, perfetti per resistere alla costante presenza dell’acqua.

Qualora, invece, la larghezza della stanza superi i 1,5 metri, sarà possibile scegliere una vasca da incastonare tra le due pareti. In questo caso sarebbe bene preferire un modello a incasso, perché la versione freestanding, molto scenografica, risulterebbe mortificata dalla mancanza di spazio.

 

La disposizione dei sanitari in un bagno lungo e stretto

In un bagno a fascia anche la disposizione dei sanitari deve tener conto della larghezza della stanza. Se, come detto, questa non supera i 1,5 metri, sarebbe opportuno posizionare tutti i sanitari sullo stesso lato, così da creare lo spazio necessario a muoversi con facilità all'interno del bagno.

Qualora il locale sia più largo di 1,5 metri, sarà possibile giocare maggiormente con la disposizione di lavabo, bidet e WC. Potreste per esempio posizionare questi ultimi su una delle pareti lunghe e collocare di fronte il lavabo, scegliendolo tra i modelli caratterizzati da una profondità ridotta.

Si consiglia anche l'installazione di un lavabo a consolle, da scegliere tra modelli con profondità esigua, magari di appena 40 cm. In questo modo il taglio rettangolare del lavello seguirà la spazialità del bagno, creando un gioco di forme che vi aiuterà a ottenere un piccolo bagno di design.

La disposizione dei sanitari in un bagno lungo e stretto deve essere accompagnata anche da una valutazione oculata degli stessi. Il consiglio è quello di scegliere i sanitari sospesi, poiché questi  danno un senso di ariosità allo spazio senza ingombrare il pavimento.

 

Colori dei rivestimenti nei bagni lunghi e stretti

Arredare un bagno lungo e stretto significa fare attenzione anche ai colori di rivestimenti e pareti. Un bagno a fascia si presta all’uso dei colori che, combinati col bianco, possono ingannare l’occhio donando una sensazione di maggior ampiezza.

Volete qualche esempio? Potete creare un fondo scuro sulla parete più corta della stanza così da enfatizzarne la lunghezza e il punto di fuga. Se, invece, sulla parete in fondo è stata installata una doccia, i suoi rivestimenti possono riprendere quelli utilizzati per il pavimento, così da abbinarli e creare un continuum bello ed efficace.

 

Idee bagno originali: luci e porte nel bagno a fascia

Arredare un bagno a fascia significa non lasciare nulla al caso: ogni elemento, infatti, concorre a creare una stanza capace di coniugare estetica e funzionalità.

Le luci sono fondamentali. Dimenticate i lampadari ingombranti o i classici pendenti e preferite semplici faretti o applique da parete. Riuscirete a illuminare al meglio la stanza senza appesantirla.

L'ultimo consiglio riguarda la porta: se possibile, installate un modello scorrevole. Risolverete il problema dell’ingombro della classica porta a battente (quando aperta) ottenendo spazio prezioso da destinare ad altri usi.

 

LEGGI ANCHE: Arredo bagno: classico, moderno o retrò-chic?